1 gennaio 2016

Le Migliori Letture del 2015



Buongiorno e buon anno a tutti!!!
Finalmente è giunta l'ora (spero non quella del desio) in cui dovrete sorbirvi la mia personalissima Shindler List Libresca, e vi dirò, è stato più difficile del solito (mhhh, mi sa che lo dico ogni anno). Questo 2015 però è stato decisamente particolare per me, pieno di novità, denso di impegni e ricco di distrazioni (non parliamo del lavoro o ci viene a tutti l'orchite), quindi le mie letture ne hanno inevitabilmente risentito, ma visto che sono ottimista per natura confido nel 2016.
Poi insomma... se qualcuno (ma in casa mia fanno tutti orecchie da mercante) mi regalasse un computer nuovo sarei più motivata quando devo mettermi alla scrivania per fare un post o una recensione, ma va bene... questa è un'altra (tormentata e tristissima) storia.
Veniamo a noi! Quest'anno - udite udite - nel mio listone ci sono ben tre graphic novel (Pargolo sarà fiero di me!) tutto questo per dirvi: Gente, leggete anche i romanzi a fumetti, non ve ne pentirete!!! E non lo dico per fare propaganda da due soldi, ma spesso queste due arti sono scisse. Chi legge libri non legge fumetti e viceversa e, giuro, non capisco il perché.
Ma ri-veniamo a noi (prendete nota mi raccomando). Preacher è un titolo assolutamente consigliato alle anime più sozze e nere. Se non andate in chiesa la domenica, se prima di dormire recitate i film di Tarantino e se mangiate senza coltello e forchetta, buttatevi in questa storia e ne uscirete più lerci che mai. 
Al contrario se volete risanarvi l'anima tuffatevi tra le pagine de Il Porto Proibito, un romanzo che è avventura, magia e poesia, e se proprio volete elevare il vostro spirito al Cielo per voi c'è Daytripper. Tranquilli, non è un romanzo teologico (le mie premesse lo facevano pensare, lo so x°D) ma è uno di quei libri che ti buca il cuore e ti illumina la mente. Giuro, piangerete.
E adesso cambiamo settore. Romanzi senza disegni. Allora, qui sotto troverete parecchie novità, perché anche se come mio solito ho recuperato diversi vecchi titoli (tra cui Il Postino Suona Sempre Due Volte che purtroppo non mi ha folgorato come avrei voluto) solo Ho Paura Torero del visionario Pedro Lemebel ha lasciato un segno indelebile e - ovviamente - L'Amore Bugiardo di una sorprendente (e per me inaspettata) Gillian Flynn.
Gli altri titoli sono tutti usciti nel 2015, quindi di facilissima reperibilità. Ho cercato di spaziare tra i vari generi dando la corona alla Hoover che ormai se la gioca con la mia amatissima Phillips in campo romance, e segnalando The Program come miglior romanzo young adult distopico, genere che ormai non va per la maggiore e che ha passato il testimone a quei titoli che affrontano svariate problematiche giovanili. In questo ambito il mio preferito non poteva che essere Aristotele e Dante Scoprono i Segreti dell'Universo anche se Il Mio Cuore e Altri Buchi Neri non mi aveva lasciata indifferente.
Assolutamente da non perdere il noir di Pupi Avati, Il Ragazzo in Soffitta (infatti mi sono ripromessa di recuperare altre sue opere, anche se si tratta di sceneggiature per il cinema) e Dopo di Lei di Joyce Maynard meritevole di stare in questa classifica per lo stile che ti inchioda.
Non ho inserito per mancanza di spazio due titoli a cui tengo particolarmente: La Ragazza Che Sapeva Troppo di M.R. Carey e Central Park di Musso. Il primo è una ventata di originalità nel panorama horror/zombi, Musso invece mi ha stupito, il suo romanzo non è esente da difetti, ma la risoluzione del giallo l'ho trovata molto interessante e ben fatta. Un po' alla Fitzek per intenderci (e io a-do-ro Fitzek).
Be', direi che stavolta ho parlato pure troppo. Vi lascio al listone, cliccando sul titolo verrete riportati alla recensione completa e come al solito voglio assolutamente sapere quali sono state le vostre migliori letture!

LE MIGLIORI LETTURE DEL 2015

L'Amore Bugiardo
di Gillian Flynn

"L'Amore Bugiardo è il romanzo giusto per quei lettori malati che cercano storie malate. Attenzione, non storie veritiere, ma storie che ti inchiodano alle pagine e ti infettano il sangue."







L'Incastro (im)perfetto
di Colleen Hoover

"Un romanzo devastante e rigenerante. Bello e sensuale. Fresco e tragico. Ci sono binomi a cui non so sottrarmi, sono le divergenze a rendere un romance intrigante e indimenticabile e questo della Hoover mi ha inondato di emozioni. "

Preacher - Libro Primo - 
di Garth Ennis

"Preacher è come la soda caustica. Corrode, brucia, scava. Fa anche male. E' il riflesso di un'America disillusa e senza un credo, è nero fino al midollo e marcio dalla prima all'ultima pagina. "
Ho Paura Torero
di Pedro Lemebel

"Ho Paura Torero sarà anche il grido sovversivo del fronte patriottico, sarà anche ribellione, dignità e sofferenza, ma è soprattutto un inno all'amore, quell'amore che non conosce la diversità, capace di abbattere barriere, costumi, pregiudizi e ipocrisie.
The Program 
di Suzanne Young

"L'ho trovato un romanzo costruito benissimo, in modo assolutamente originale, con continui flashback che sembrano essere i tasselli di un puzzle che si completa poco alla volta. E poi mi ha emozionato. Tanto. Forse perché sono consapevole del peso dei ricordi. Forse perché amo le storie tragiche. Forse semplicemente perché l'ho letto nel momento giusto. Fatto sta che il romanzo della Young è stato la luce del mio periodo buio."

"Non c'è dubbio, questo libro è una bussola per genitori e figli, aiuta a ritrovare la strada, indica un cammino e ci insegna che l'amore è la condanna più bella che possa venirci inflitta dalla vita. Non c'è scampo. Non c'è modo di evitarlo. Alla fine possiamo solo arrenderci.
Un libro che fa bene, tanto bene, come la medicina più dolce del mondo."
Il Ragazzo in Soffitta
di Pupi Avati

"Quella che ci racconta Pupi Avati non è altro che una macabra favola dell'orrore."
"In meno di duecentocinquanta pagine ci parla di pazzia, solitudine, emarginazione, infanzia negata, handicap fisici e psicologici; sono tanti, magari anche troppi, i tasti che tocca, eppure alla fine, quando preme quell'ultimo bottone che nessuno aveva osato anche solo sfiorare, il boato che ne deriva è di quelli che ti toglie l'udito, ma ti ridà la parola e la vista. "
Dopo di Lei
di Joyce Maynard

"Dopo di Lei è la storia di due sorelle e della loro infanzia, fotografa il mondo visto attraverso gli occhi di Rachel, una ragazzina capace di scorgere nella più piccola cosa un universo carico di oscure e accecanti possibilità."
Il Porto Proibito
di Teresa Radice e Stefano Turconi

"Mi sono sentita onorata di aver fatto parte di questo viaggio. Un viaggio a cui potrei dare tanti nomi, ma che lo riassumo con uno soltanto. Vita. Il Porto Proibito è questo. Vita. Vita che è perdita, ma anche riconquista. Vita che regala e poi pretende. Vita che non sempre sai di aver vissuto. Vita che è avventura, ma soprattutto casa. Vita che è un abbraccio e poi un silenzio. Vita che è nascita. E infine morte."
di Fábio Moon e Gabriel Bá

"Per me questo libro è stato un "piccolo miracolo"; mi ha tolto un velo dagli occhi, ha reso i colori più vividi, ha fatto accelerare i battiti del mio cuore. È una storia breve ma immensa, limpida, profonda, umana, onesta e poetica in modo quasi struggente. È la storia del miracolo della vita raccontato attraverso la morte, ed è un 'eredità che va accettata, capita e tramandata."

Adesso sono curiosa di sapere quali sono state
le vostre migliori letture! Forza, 
abbandonate torrone, pandoro e panettone
e datemi qualche consiglio per il 2016!

13 commenti:

Cecilia Attanasio ha detto...

Nonostante tutti parliate così bene della Hoover e di The program, i due continuano ad non ispirarmi affatto. Dopo di lei mi aspetta sullo scaffale e L'amore bugiardo era nella classifica 2014.
Concordo sulla bellezza delle graphic novel e mi segno Il porto proibito.
Se ti piacciono i noir Sono io che me ne vado di Violetta Bellocchio potrebbe fare al caso tuo; io l'ho scoperto per caso ed è stato il romanzo più bizzarro che abbia letto nel 2015. In ambito YA Amy Harmon è ormai una garanzia e non vedo l'ora di leggere il nuovo libro di prossima uscita ^^.
Buon anno e letture!

Mr Ink ha detto...

Mi hai ricordato che devo sbrigarmi a leggere Dopo di lei.
Buon anno a te ;)

Marta ha detto...

Buon anno anche a te! Sono appena arrivata per caso sul tuo blog e ti faccio i complimenti, lo seguirò con piacere. Ho letto Ho Paura Torero l'anno scorso e me ne sono innamorata... Mi hanno ispirato molto invece The Program e L'Amore Bugiardo!
La mia classifica del 2015 invece vede in testa Invisible Monsters di Palahniuk, seguito da Cecità di Saramago e Mille Splendidi Soli di Hosseini.
Auguri ancora!

Vero Nik ha detto...

Buon anno nuovo e buone nuove letture!

Silvia Leggiamo ha detto...

@Cecilia
Tu non hai letto la Hoover e io non letto la Harmon. Dai, nel 2016 rimediamo ;)
Mi segno il noir!!! Grazie della dritta!

@Mr Ink
Eh sì, come io devo recuperare un sacco di titoli che mi hai consigliato!

@Marta
Grazie Marta, ho visto che hai un blog anche tu, passerò di certo!
Be'... Cecità è illuminante, Mille Splendido Soli meraviglioso!

@Vero Nick
Anche a te :)

La libreria di Tessa ha detto...

Buon anno Silvia! gusti diversi, ma un Pupi Avati da top ten in comune!

marga ha detto...

Buenas lecturas, Silvia.
Feliz 2016.

Anonimo ha detto...

ciao! belle le tue recensioni, quasi sempre mi trovano d'accordo...quasi eh?
Per me il romanzo più bello del 2015 è stato Tentare di non amarti di Amabile Giusti, è una storia che si annida sotto pelle e non se ne va più. Dopo averlo chiuso sto faticando a trovare altri romanzi in grado di coinvolgermi così.
Fran

Silvia Leggiamo ha detto...

@Tessa
Be' dai, almeno uno x°D

@Marga
Gracias!

@Fran
Ahahaha, va be', trovarsi d'accordo al 100% è durissima, quasi impossibile direi!
Mi segno il libro della Giusti, autrice che mi riprometto sempre di leggere e poi... poi glisso.

La Je ha detto...

L'amore bugiardo non l'ho letto ma è stato il mio film preferito del 2015.Una Rosamunde Pike da Oscar.
Vedo che Dopo di lei è nella lista di molti...

Quest'anno è stata un annata fortunata per le letture quindi scegliere un solo vincitore è impossibile.
Per i classici metto Il buio oltre la siepe, per i thriller Bambino 44 e poi l'immancabile Fannie Flag con Voli acrobatici e pattini a rotelle e The King assoluto con 22/11/63 ma ne metterei volentieri in classifica molti altri :)

Silvia Leggiamo ha detto...

@La Je
Bambino 44 l'ho letto anni fa ed è tra i miei thriller preferiti di sempre!

Anonimo ha detto...

no ti prego non glissare sul romanzo della Giusti che è imperdibile eh :-)

Toccatemi tutto ma non quello ahahaah
Fran

Silvia Leggiamo ha detto...

No, no, non lo glisso questa volta, promesso! <3

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...