14 luglio 2017

Weekly Recap #162

Weekly Recap nasce dalla voglia di non parlare solo delle mie new entry libresche, ma anche di altre piccole curiosità settimanali. Libri che ho adocchiato, un estratto che mi ha particolarmente colpito, un film che ho visto, e così via. Un po' come fanno alcuni blog con la rubrica Clock Rewinders on a Book Binge [X - X]. Ma tutto senza regole. Un po' alla cavolo insomma. Sostituisce In My Mailbox.

Forse è tempo di fare un recap. Forse la situazione mi sta sfuggendo di mano. Forse non sono normale. Cosa dicevo? Che dovevo comprare pochi libri? Tzè... fuffole! Ma ragazzi, giuro, non è colpa mia. È che al mercatino dell'usato trovo cose che voi umani non potete capire, sul Libraccio vedo libri che si infilano da soli nel mio carrello (però pagano con la mia carta... com'è sto fatto?) e poi è stato pure il mio compleanno e c'è chi mi ha voluto tanto tanto bene!!! Insomma, "alibi", al momento, è la mia parola d'ordine 8)

New Entry

Partiamo dalla fine, ovvero dalle ultime new entry. Libraccio sappi che ti amavo. Poi ti ho odiato. Adesso forse ti amo di nuovo.


Quando mi sono stati confermati tutti e sette i libri che avevo messo nel carrello non ci credevo. In passato non c'è stato un ordine - e dico UNO! - che mi sia stato evaso in toto.
Quindi capirete... gioia e gaudio!!! 

Un ca**o invece... 

Mi arriva il pacco, io felice come una bimba il giorno di Natale, lo apro e... shock! Due libri non sono rovinati, ma sembra che abbiano combattuto le guerre puniche.
La Colpa di Lorenza Ghinelli ha la sovracopertina rotta in ogni angolo. Sopra, sotto di fianco... alcune parti sono tenute insieme dal nastro adesivo attaccato probabilmente da Steve Wonder. Insomma, l'ho subito tolta, perché solo guardarla mi faceva torcere le budella.
Invece Raccontami di un Giorno Perfetto credo l'abbia smangiucchiato un topo. Dalla foto sembra rosicchiata solo la costa, ma è così anche davanti e pure la copertina rigida è stata vittima di vari assalti.
Per la prima volta ho fatto un reclamo, perché obiettivamente questi due libri non sono conformi alle regole del sito sull'usato. Be', mi aspettavo che mi dicessero di fare il reso (ma di pagare le spese di spedizioni immaginate quando mi andasse?) invece no. Riordinano i due libri e me li rimandano. Tutto a carico loro. Forse dovrò aspettare Natale 2020, ma pazienza, sono comunque soddisfatta.

Ma parliamo dei titoli che ho preso. Come potete vedere ho sanato il mio bisogno di letteratura per ragazzi. Per un po' basta, vero Silvia???
Luna di Julie Ann Peters è un romanzo a tematiche LGBT che ho assolutamente voluto (grazie alla dritta di Michele) dopo aver letto quel gioiellino de L'Arte di Essere Normale di Lisa Williamson.
La Ghinelli oramai è la mia ossessione, quindi La Colpa e Almeno il Cane è un Tipo a Posto erano due acquisti obbligati!
Invece Il Mio Cuore e Altri Buchi Neri l'ho già letto (qui la recensione), ma lo voleva la mia mami, quindi sono stata brava e buona e ho pensato anche a lei (però quando l'avrà letto tornerà nella mia libreria). Avrei preferito l'edizione in brossura, ma usata non c'era e questa costava meno.
Infine desideravo qualcosa di Paul Dowswell, un autore per ragazzi a cui è molto cara la tematica della Guerra. Insomma, roba tosta a quanto pare, e siccome mi ispiravano un po' tutti i titoli ho sorteggiato ed è uscito Auslander.
Basta... ah no, dimenticato il romanzo della Niven. Perdonatemi, ma un libro in quelle condizioni, per me non è nemmeno un libro. Comunque niente, dopo essere stata a Mare di Libri volevo assolutamente leggere il romanzo che ha vinto l'edizione del 2016, Raccontami di un Giorno Perfetto e sto aspettando anche quello che ha vinto quest'anno... ma shhhh... non diciamolo a nessuno... 

  
  

Andiamo avanti.
Non so se ricordate, ma poco tempo fa avevo fatto razzia di libri al Mercatino dell'Usato. Questo era il post.
Durante quell'incursione avevo visto il Divoratore, ma non conoscendo ancora lo stile della Ghinelli non l'avevo preso. Vi dirò di più, mi ci ero anche soffermata, avevo controllato online qualche parere, ma in moltissimi lo criticavano, soprattutto per la componente paranormale, e mi sono fatta influenzare. Scema. Scema, scema, scema. Infatti sono tornata apposta per lui. Ed era ancora lì che mi aspettava <3


Insomma, quando scopri un'autrice che sa scrivere e lo fa proprio come piace a te, dei commenti dell'intero mondo te ne frega una beata fava!
Me ne stavo per andare quando poco più in là ho notato Acquanera di Valentina D'Urbano e potevo lasciarlo? In questo caso solo pareri positivi, solo elogi, solo applausi. Per molti è il romanzo più riuscito di Valentina, per me 'na botta de culo pazzesca e basta! Con quattro euro e cinquanta mi sono portata a casa due titoli che non vedo l'ora di leggere.

21 Giugno. 
Che bella cosa i compleanni. Ma chi è quel genio che li ha inventati? xD
E chi è quell'altro genio che ha inventato i figli e le ragazze dei figli che regalano libri? 


I miei due Topi mi hanno regalato la duologia di Wolf e senza perdere troppo tempo mi sono subito buttata a pesce sul primo . Non dico niente. Mi sbottono sempre così tanto che ho il sospetto che quando pubblico una recensione sappiate già tutto. Vi dico solo che come saga è davvero originale. Molto. Un romanzo per ragazzi senza un solo cliché tipico dei romanzi per ragazzi.

 

Infine, ultime new entry.
Quello Che è Successo a Joana di Valerio Romao è un romanzo assolutamente destabilizzante, a tratti quasi assurdo, in svariati punti micidiale. Devo capire come recensirlo. Devo capire anche se mi è piaciuto e quanto. Insomma lo devo seriamente metabolizzare, ma se cercate un qualcosa capace di svuotarvi, ecco, l'avete trovato.
La Fidanzata invece sarà il mio thriller dell'estate (insieme a un altro probabilmente, ma devo ancora decidere...). Si può resistere al binomio mare/thriller? Io 'gna faccio! 


New Entry Fumettose



Qui sarò velocissima, sento che vi state addormentando e - giuro - posso capirvi.
Odio Favolandia e Cappuccetto Mortissimo sono regali di compleanno (Giada, ti lovvo lo sai <3). Skottie Young è tutta salute e Gertrude mi ha tenuta compagnia in un paio di pomeriggi in cui mi era salito il crimine.
Frantumi ve l'ho già recensito QUI e ve lo consiglio se amate le storie introspettive e oniriche, mentre di Nazivegan Heidi vi parlerò presto. Io l'ho letto con grande divertimento ma a quanto pare molti lettori si sono sentiti offesi dal fumetto provocatorio e irriverente di Don Alemanno. A lui non frega un cavolo. Figuratevi a me.
Con Saga invece siamo già al settimo albo e vi dirò... ho un po' paura...  che sorte avrà deciso Vaughan per i nostri due protagonisti?

Wrap Up di Giugno


Tutti a wrapuppare in ogni luogo e in ogni lago... e chi sono io per non farlo?
Se avete domande fatele, se volete pareri chiedete. La maggior parte dei titoli sono già stati recensiti qui sul blog, quindi taglio corto.
In breve. La mia lettura preferita? Di sicuro L'Arte di Essere Normale. La delusione più grande? Be'... purtroppo mi tocca dire Absence di Chiara Panzuti.

Cosa mi sono vista


Una sera, in tv, ho visto Now is Good il film tratto dal romanzo di Jenny Downham Voglio Vivere Prima di Morire e non so ancora se mi è piaciuto. Mi ha fatto male perché parla di una malattia incurabile, ho pianto perché davanti alla morte non riesco a trattenermi, però a distanza di giorni sento che più di tanto non mi ha lasciato. Niente a che vedere con Colpa delle Stelle (ho preferito il film al romanzo di Green) che mi ha perseguitato per settimane e che ancora adesso, solo rivedere il trailer, mi manda in pezzi.


Addio mondo. Sono rientrata nel tunnel dei drama e voi non avete idea di quanto questa cosa sia negativa. Ore e ore davanti allo schermo. Angst a palla. Lacrime come se non ci fosse un domani. Ansia, batticuore, gioia e dolor. Tanto dolor...
Ho guardato Legend of the Blue Sea, una serie di 20 episodi che mi è piaciuta davvero un sacco. È il tipo di drama che amo a dismisura. Ironico, divertente, romanticissimo e strizzacuore.
Racconta la storia di una sirena che si innamora di un umano, ma sembra che il loro destino sia influenzato da un passato che non vuole abbandonarli.
Ieri e oggi si intrecciano, la sirena farà di tutto per riconquistare il suo unico amore e lui farà altrettanto per proteggerla e regalarle il lieto fine. Ma si può sfuggire al destino?
Come ogni drama di questo genere che si rispetti i toni iniziali sono molto leggeri, i coreani alla comicità non rinunciano mai, e non perché siano stupidi, ma perché sono sadici. Prima vi fanno divertire. Vi fanno credere anche di essere superficiali. Vi fanno abbassare ogni sorta di difesa. Poi vi uccidono. E vi assicuro che come vi uccidono loro, non vi uccide nessuno.

Lo so, da questo post ne potevano uscire tre, 
ma quando mi ci metto ho le dita logorroiche (solo quelle, giuro!)

3 commenti:

un libro per amico ha detto...

Sulla Ghinelli sai già!
Acquanera invece è uno dei romanzi più belli in assoluto per me, quindi sì, botta di culo pazzesca!!! ;)

Alice Land ha detto...

Non vedo l'ora di leggere la tua recensione su Wolf! *__*

Silvia Leggiamo ha detto...

@un libro per amico
Ecco, adesso mi sa che pure Acquanera verrà con me in vacanza!

@Alice
Arriva arriva... il tempo che mi ripiglio, è un periodo davvero di ca**a T_________T

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...